Il nostro sogno è quello di ampliare il nido in casa “Tutti giù per terra” creando una struttura che possa accogliere anche i bambini più grandi (dai 3 ai 6 anni). Vorremmo trovare un luogo che abbia uno spazio esterno sufficientemente grande perché ci piacerebbe che i bambini in età prescolare possano ogni giorno passare la maggior parte del tempo all’aria aperta nella natura durante tutto il corso dell’anno scolastico. Non si tratta semplicemente di allestire un percorso ludico-didattico all’aperto in un’area verde limitata, ma di proporre un programma educativo a lungo termine che ha come scopo sviluppare la consapevolezza e la sicurezza di sé, l’indipendenza e le capacità sociali e comunicative utilizzando come materiale principale l’ambiente naturale. L’immersione nello spazio aperto della natura rende ogni atto quotidiano del bambino un percorso di scoperta di se stessi e delle proprie potenzialità, un’avventura, contribuendo a formare il suo senso di autostima.

La finalità, in tutto e per tutto allineata con la scuola dell’infanzia tradizionale, è quella di prepararli all’apprendimento strutturato della scuola primaria.

Come si svolge la giornata all’aperto

IMG_0600L’ideale sarebbe che ogni giornata fosse organizzata intorno ad una lunga passeggiata nella natura. Sempre la stessa per un lungo periodo in modo che il bambino si orienti, si nutra del ricordo e abbia la possibilità di osservare sempre più accuratamente il percorso quotidiano con tutta la ricchezza della natura che si modifica con l’alternarsi delle stagioni.

Si approda all’area preposta per i giochi dove le attività più tipiche sono i giochi intorno agli alberi, in luoghi dove nascondere tesori o costruire spazi tipo casa/negozio/barca, tronchi da far rotolare o da usare come strumenti per costruire torri/automobili/animali ecc.. cercando di fare in modo che il bambino muova tutte le parti del suo corpo in maniera armonica e usi tutte le abilità che nel corso del tempo avrà modo di apprendere.

Imparare a pensare, sentire ed agire
Abilità pratiche, fisiche e manuali che sono la base imprescindibile per la formazione delle ulteriori capacità di pensare, sentire e agire tipiche degli anni futuri. Il bambino sviluppa le sue capacità a partire dal quotidiano ascolto delle percezioni sensoriali. Va da sé che se esse si sviluppano in un ampio raggio il bambino avrà più possibilità di sviluppare un pensiero complesso, un agire sano e armonico e un sentire compassionevole e rispettoso del prossimo.

Imparare a essere in sé
Dopo aver giocato all’esterno il bambino trova rifugio all’interno, in un ambiente caldo e confortevole. L’accoglienza con una tisana calda e un dolce, cuscini morbidi su cui giocare o rilassarsi, teli colorati con cui costruire una tana o travestirsi e tanto altro ancora abituano il bambino a un sano ritmo tra stimolazione sensoriale proveniente dall’esterno e la percezione del proprio mondo interiore.